sabato 1 settembre 2018

TERRA MADRE A TORINO E L'ATTIVITA' DIDATTICA

SCARICA IL PROGRAMMA

Terra Madre Salone del Gusto è il più grande evento internazionale dedicato al cibo. La dodicesima edizione, dal 20 al 24 settembre in alcuni tra i luoghi più significativi per la storia della città di Torino, si connoterà più che mai come l’edizione delle persone.

Al Lingotto sono organizzati percorsi interattivi all’interno delle aree tematiche Food for Change, perché sin da piccoli si possano comprendere le dinamiche e l’impatto delle scelte alimentari sulla nostra salute e su quella del pianeta. Le classi che hanno fame di conoscenza e sono interessate a saperne di più hanno ben cinque percorsi a disposizione – Slow Meat, Slow Fish, Api e insetti, Semi e Cibo &Salute – guidati da formatori Slow Food e corredati da materiali ad hoc, pensati per stimolare curiosità e senso critico, promuovendo comportamenti più consapevoli e responsabili.

Che si parli di biodiversità, semi, api, stagionalità, uso dell’acqua o di orticoltura, a Terra Madre Salone del Gusto 2018 non mancano le opportunità per le scuole: gli studenti possono seguire percorsi formativi pratici e interattivi, di educazione sensoriale e del gusto; comprendere l’importanza della sostenibilità ambientale e sociale del cibo; affinare l’uso dei sensi come strumento di conoscenza.

Se siete interessati a partecipare, scrivete a: educazione@slowfood.it

Oltre alle proposte all’interno del Lingotto, la manifestazione è arricchita da eventi organizzati da diversi soggetti presenti sul territorio:

  • Museo del Risparmio, con molteplici attività – dal convegno “L’acqua è di tutti” ai workshop “In cucina con For e Mika” e “Che cosa mangia il mondo”, alla gara “Merenda con furto” fino alla mostra “Salvadanai a tavola” – per tutte le fasce d’età;
  • Xké? Il laboratorio della curiosità, con i tre laboratori “Se fossi un altro animale”, “La Terra: com’era, comè e come sarà” e “Perché le foglie sono verdi?”;
  • MAcA – Museo A come Ambiente, con i due sorprendenti incontri “Tutti i colori del cibo” e “L’orto sul balcone”;
  • Binaria Centro Commensale, con l’incontro animato “Il mangiastorie”;
  • e anche privati cittadini che hanno progettato veri e propri percorsi, come “Tugò, sensi e alimentazione in gioco” attivo per i cinque giorni dell’evento nella scuola Nina Kids.

Queste attività sono dedicate a bambini e ragazzi e adatte alle famiglie, scoprile tutte consultando il programma completo. Ti aspettiamo dal 20 al 24 settembre a Torino!

Slow Food Educazione http://www.slowfood.it/educazione/
Guarda cos’è successo nella scorsa edizione!



CURIOSITA':
Il Menu della Poesia è un format culturale che si impegna a servire la cultura a tavola, coniugando teatro, letteratura e arte culinaria, in un’esperienza interattiva coinvolgente e mai invasiva, intrattenendo i visitatori con Poesie a tema e sensibilizzandoli sui punti cardine della poetica dell’Associazione, oltre che invitandoli a seguire più da vicino Slow Food.

PARLIAMO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE:



Mangiare è un atto ricco di significati che va ben oltre il semplice soddisfacimento fisiologico. Come e cosa si mangia dipende sia dalle risorse offerte dal territorio, sia dalle abitudini familiari che dal rapporto che si crea tra le persone e il cibo.
La sana dieta alimentare, ovvero una corretta alimentazione, è l'insieme dei comportamenti e dei rapporti nei confronti del cibo che permettono il mantenimento della propria salute nel rispetto dell'ambiente e degli altri. E' opportuno ricordare che il termine "dieta" indica una selezione ragionata di alimenti, e non necessariamente un regime alimentare finalizzato ad ottenere una perdita di peso (ovvero una "dieta ipocalorica").
L'assunzione errata di alimenti, sia nella quantità che nella qualità, può essere uno dei fattori principali nella determinazione di stati patologici quali ipertensione, malattie dell'apparato cardiocircolatorio, obesità, diabete e alcune forme di tumori.
Il rischio obesità, in particolare, è determinato sia da un eccesso di calorie introdotte, rispetto a quelle consumate, ma soprattutto, nell'età giovanile, da stili di vita sedentari, spesso omologati dalle famiglie.
Considerando che a ciò si devono aggiungere fattori di rischio di tipo ambientale e genetici, la complessità degli elementi in gioco fa comprendere che è necessario intervenire, ove possibile, in maniera precoce.
In particolare, per quanto riguarda l'alimentazione, la "prevenzione a tavola" deve iniziare già dall'infanzia e diventare patrimonio della cultura personale di ogni essere umano.
In numerosi Paesi del mondo, con l'intento di fornire indicazioni su come alimentarsi in modo sano, proteggendo la propria salute, istituzioni pubbliche e organismi scientifici hanno provveduto ad elaborare apposite linee guida.
In Italia un Gruppo di esperti, costituito presso l'Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) ha elaborato le "Linee Guida per una Sana Alimentazione Italiana", mirate a definire e divulgare le informazioni di base per una alimentazione equilibrata e mirata al benessere.
I punti chiave delle "Linee guida per una sana alimentazione italiana" sono i seguenti:

Ispirandosi a tale documento e alla luce di alcuni recenti studi internazionali, si riportano di seguito, per genitori e docenti, suggerimenti, indicazioni e riflessioni volti a promuovere l'educazione ad una sana alimentazione.

Esperienze nella scuola


CHE COSA SIGNIFICA CIBO SANO?