giovedì 6 giugno 2019

COSA STA SUCCEDENDO ALLA GRANDE MACCHIA ROSSA DI GIOVE



la scuola del sapere
La foto del pianeta Giove ripresa da Marina Costa
(Osservatorio Astronomico del Righi) la sera del 2 giugno.
La sera del 2 giugno il telescopio dell’OsservatorioAstronomico del Righi ha ripreso l’immagine allegata di Giove dalla quale si evince il drastico ridursi delle dimensioni della “Grande Macchia Rossa” (GRS, Great Red Spot), la vasta area anticiclonica che dai tempi delle osservazioni di Gian Domenico Cassini (metà del XVII secolo) caratterizza un emisfero del pianeta Giove. La GRS è sempre andata soggetta a variazioni di forma, di dimensioni, di colore ma ciò che le sta succedendo da un po’ di tempo a questa parte pare non avere eguali nella storia recente al punto da far temere per la sua stessa sorte. Da qualche anno, infatti, la macchia appare in contrazione, ben lontana dalle dimensioni record stimate alla fine del XIX secolo. Per certo, il diametro della GRS è diminuito pressoché costantemente nel corso del XX secolo. Dall’inizio del XXI secolo pare ridursi ad un ritmo ancora più elevato, di quasi 1000 km all’anno, e la forma sta cambiando da quella di un ovale a quella di un cerchio. La dimensione misurata nel senso da nord a sud è cambiata poco, mentre è diminuita notevolmente la dimensione da est a ovest. Da ovale la forma della macchia sta diventando sempre più un cerchio. 
Se alla fine dell’Ottocento, sulla base di osservazioni storiche, la Grande Macchia Rossa aveva un diametro stimato di 41 000 km, nel 1979 (cioè al tempo del passaggio ravvicinato della sonda Voyager 2) il diametro si era ridotto a circa 23.000 km, per poi diminuire ulteriormente nel 1995 a 20.000 km e poi ancora a 17.700 km nel 2009. È tuttavia a partire dal 2012 che si è osservato, dopo alcune segnalazioni di astronomi amatoriali, che la Macchia si sta riducendo a ritmi sempre più serrati, di quasi 1000 km all’anno. In base a osservazioni compiute dal Telescopio Spaziale Hubble (HST), nel 2014 il diametro massimo della Macchia Rossa è sceso a 16.500 km, il valore più piccolo mai misurato dagli astronomi. Recentemente, fra il 19 e il 22 maggio. l’astrofilo australiano Anthony Wesley, ha osservato una scia di gas staccarsi dal corpo della Grande Macchia Rossa, come il braccio di una spirale. Il pennacchio è enorme: si estende per oltre 10.000 chilometri dal margine della tempesta e una corrente a getto sembra portarselo via. Il filippino Christopher Go, anch’egli astronomo dilettante, ha dichiarato di aver osservato un’estensione rossastra sul lato sinistro di questa tempesta roteante in senso antiorario mentre fotografava Giove già qualche giorno prima (il 17 maggio) rispetto alle osservazioni di Wesley.
La sera del 2 giugno Marina Costa dal telescopio dell’Osservatorio Astronomico del Righi, equipaggiato con telecamera ASI120MC ha immortalato il gigante gassoso verificando che tale tendenza è ancora in atto e confermando che, rispetto alle immagini del recente passato o a quelle riprese dalla sonda Juno della NASA attualmente in orbita attorno a Giove, la diminuzione delle dimensioni e la tendenza ad arrotondarsi è percepibile anche da terra con strumenti amatoriali o semi-professionali.
Si tratta ora di capire se questa nuova tendenza in atto si manterrà e che effetto potrà avere nei prossimi anni su una delle caratteristiche più celebri del gigante del Sistema Solare. Uno degli strumenti imbarcato sulla sonda Juno, il radiometro a microonde MWR, ha scoperto che la GRS è molto profonda ma che questo aspetto potrebbe non garantire la sua longevità.
Dall’Osservatorio Astronomico del Righi continueremo a monitorare il fenomeno in atto, complice il fatto che il pianeta Giove si sta avvicinando all’opposizione (attesa il prossimo 10 giugno), cioè alle sue condizioni migliori di osservabilità quando raggiungerà la massima visibilità e sarà osservabile per tutta la notte. 
Genova, 4 giugno 2019 
Per informazioni:
Walter Riva osservatoriorighi@gmail.com