mercoledì 1 luglio 2020

Il Micro-Learning. La didattica che non conoscevi


la scuola del sapere

Il micro-learning (detto anche bite-sized learning, ovvero “apprendimento a piccoli bocconi”, o in pillole, se vogliamo) è, come si deduce dal nome, un approccio didattico focalizzato sulla minuzia delle unità di apprendimento (o unità didattiche).

Si tratta di una metodologia “smart” e veloce, tale da plasmarsi in base alle esigenze dello studente – che può essere di ogni età e ogni livello culturale, con competenze professionali o meno: il micro-learning è dunque adattabile a tutti gli ambiti dell’apprendimento....
Si tratta dipodcast, blogpost, wiki, messaggi, foto, grafici, testi, video, post di Facebook, Twitter, audio e qualsiasi altra tipologia di contenuti multimediali – purchè siano brevi, (sessioni temporali di apprendimento dai 5 ai 10 minuti circa) e semplici (concetti scarni)....
In virtù della sua addressability, il micro-contenuto è fruibile in maniera “on demand”, ovvero su richiesta: ciò che rende il micro-learning efficace, dunque, è anche il fatto che i soggetti possano decidere in autonomia quando intraprendere il processo formativo, in modo tale da non essere travolti dall’apprendimento, ma di poterlo controllare...
Non a caso, il micro-learning implica strategie focalizzate a breve termine ma progettate specificatamente per la comprensione, l’apprendimento e l’educazione dell’allievo: il tutto basandosi sullo sviluppo delle sue abilità e competenze.
PER APPROFONDIRE, QUI